PROGETTO ARTISTICO

Il progetto Luci di emergenza è nato dalla volontà di interpellare tutti coloro che compongono le nostre società contemporanee (cittadini, responsabili delle politiche, media, ecc.) nei confronti dell’attuale situazione politica e sociale delle persone migranti in Europa. L’obiettivo è quello di dare voce ai cittadini tramite mezzi di espressione artistica, per inviare segnali forti che devono metterci collettivamente in allarme sulla perdita progressiva di alcuni valori umanistici (ospitalità, riconoscimento, attenzione per l’Altro).

Le luci di emergenza sono utilizzate come simbolo centrale all’interno del progetto. Infatti, se da un lato questa immagine evoca un’esperienza condivisa di sconforto vissuta da un gruppo di persone, dall’altro è accompagnata da un bagliore di speranza che va ad illuminare nuovi orizzonti. Lanciate da terra, le luci di emergenza iniziano a brillare, trasformandosi così in un nuovo punto di riferimento, un punto in cui convergono gli sguardi e soprattutto un modo per interpellare le persone presenti portandole progressivamente a spostarsi, a cambiare posizione e a concentrarsi collettivamente su “ciò che deve essere soccorso”. Il movimento verticale delle luci di emergenza, lanciate da terra verso l’alto, simbolizza anche il modo in cui il progetto cerca di interrogare i responsabili delle politiche sulla situazione attuale delle persone migranti.

La strategia artistica prosegue il lavoro avviato per la realizzazione dell’Enciclopedia dei migranti*. L’idea originaria è quella di creare forme artistiche portatrici di senso, che abbiano la capacità di interpellarci su un argomento prevalentemente politico utilizzando un approccio sensibile e intimo. Tutto ciò deve interrogarci, a livello collettivo e individuale, sull’avvenire della nostra vita in società e sui valori che intendiamo difendere. La ricerca artistica (scenografia, regia, creazione musicale), sarà guidata da questo principio nel corso di tutto lo sviluppo del progetto. I testi contenuti nell’Enciclopedia dei migranti, ma anche i metodi che ne hanno permesso la pubblicazione, fungeranno da punto di partenza per l’insieme di creazioni artistiche.

I paesi coinvolti nello sviluppo del progetto su scala europea sono: Francia, Belgio, Portogallo, Spagna, Italia e Turchia.

BRUSSELS

Festival Signal
27/09/2019

ISTANBUL

-
02/2019

BARCELONA

-
07/2020

MILAN

-
10/2020

LISBON

-
02/2021

RENNES

Les Tombées de la nuit
07/2021

I processi di creazione artistica sviluppati nel corso del progetto metteranno in contatto gli artisti con persone provenienti da orizzonti differenti. Così, artisti, cittadini, ricercatori di scienze umane e sociali e studenti delle varie città coinvolte, contribuiranno al progetto sulla base delle loro competenze, ma anche dei loro desideri, durante il tempo di questo lavoro collettivo. Ad esempio, persone provenienti dalla società civile potranno partecipare ai gruppi di riflessione per lavorare sulla metodologia del progetto, oppure potranno partecipare allo spettacolo e formarsi su tecniche musicali e artistiche insieme agli artisti. Inoltre, i ricercatori di scienze umane saranno invitati a partecipare al processo creativo e a proporre una visione critica del progetto, a partire dalla loro disciplina. Infine, gli studenti provenienti dalle scuole di belle arti parteciperanno alla creazione dell’identità grafica del progetto. Così, un gruppo di lavoro multidisciplinare e internazionale si mobiliterà per realizzare il progetto, dalla fase della progettazione a quella della diffusione, seguendo un modello partecipativo. Creeranno collettivamente uno spazio in cui conoscenze e competenze possano essere scambiate e trasmesse, permettendo a ciascuno di ottenere progressivamente un’idea sempre più pragmatica dei diritti culturali delle persone, per costruire un’umanità migliore insieme.

* www.encyclopedie-des-migrants.eu

Notizie

Nouveau partenaire à Barcelone : VULNUS Artes Vivas e Iinvestigación

27 January 2020

{:fr}Depuis janvier 2020, un nouveau partenaire a rejoint l'équipe européenne de Fusée de détresse. Vulnus est un collectif artistique basé à Barcelone qui sera chargé de la coordination du projet ...
Leggi tutto »

Retour en images sur Fusée de détresse #2 à Bruxelles

6 July 2018

Photographies réalisées par Bea Borgers le 7 septembre 2019 à Bruxelles, lors de la représentation de Fusée de détresse #2. Mise en scène Frédérique Lecomte. Co organisation CIFAS et L'âge ...
Leggi tutto »